Contenuto principale

11 dicembre 2016 - CASTELLI PER LA MONTAGNA

Castelli è inserito tra i borghi più belli d'Italia; un riconoscimento al centro storico, edificato su un lembo di terrazzo alluvionale, affacciato sulla valle, ai piedi della Parete Nord del Monte Camicia. Dopo il sisma d'Appennino il borgo è stato chiuso, è diventato zona rossa, impraticabile, tutto bloccato con perdite sociali ed economiche incalcolabili.  La Sezione  Cai di Castelli, intitolata all'alpinista Piergiorgio de Paulis, rilancia tenacemente valore e identità di questi luoghi, famosi per la internazionale produzione della ceramica e per la storia alpinistica del Gran Sasso, qui legata  alle vicende della Nord del Monte Camicia. Lo fa l'11 dicembre, giornata che celebra a livello mondiale il valore della Montagna. In escursione al Fondo della Salsa, spettacolare anfiteatro montuoso, sede di un nevaio, con balze erbose predilette dai camosci, coinvolgente per verticalità, paesaggio e colori. Si tratta di un'escursione esplorativa e preparatoria del 26 dicembre, giornata dell'alpinismo sul Gran Sasso giunta alla 34^ edizione.
Il Cai a Castelli si è dotato di una nuova sede, oltre l'abitato e vicino ai monti, voluta come osservatorio ambientale e presidio della montagna, destinata all'informazione e all'educazione, luogo di accoglienza e riflessione. Il Cai da 40 anni è presente, con la mente e il cuore, partecipa alle vicende di questi luoghi, tra cultura e natura, sostenendo anche artigianato artistico e qualità dei piatti tipici e delle produzioni. Le Feste si avvicina e il 17 e 18 dicembre anche il Cai contribuirà alla riuscita delle giornate che promuovono il territorio e l'addobbo con l'iniziativa "una palla di Natale per l'arte",  in ceramica di Castelli, beneauguranti, di elegante fattura, vivide nei colori e piacevoli al tatto.

Locandina