Contenuto principale

Il Capriolo

  • Nome scientifico: Capreolus capreolus italicus, Festa, 1925
  • Famiglia: Cervidae
  • Dimensioni: 100-135 cm. Arriva a pesare 15-27 Kg.
  • Colore: rossiccio, grigio, bruno
  • Riproduzione: maggio-luglio
  • Alimentazione: erbivoro
  • Distribuzione: tutta Italia

Il Capriolo è il più piccolo cervide europeo, di forma slanciata e privo di coda, e lo si può osservare, generalmente solitario, nei boschi. Le sue popolazioni principali occupano le alpi centro-orientali e tutta la dorsale appenninica.


Habitat

L'habitat ideale per il capriolo è la foresta a latifoglie ricca di sottobosco e la macchia mediterranea, inframezzate da pascoli e colture foraggere. Le esigenze alimentari di questo piccolo cervide appaiono elevate, pertanto l'ambiente deve offrire un pascolo ricco in ogni periodo dell'anno.
Questi animali sono attivi prevalentemente di notte; trascorrono il giorno nella vegetazione ed escono al crepuscolo per alimentarsi nelle vicine radure.
Il capriolo è stato ripopolato sui Monti della Laga tra il 2000 e il 2001 per favorire la ricostituzione di una popolazione di prede naturali per il lupo e concorrendo in questo modo a contenere l'impatto predatorio sulle specie domestiche.

Nel Parco attualmente vivono circa 1000 esemplari di capriolo.

Fonte: Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga