Contenuto principale

Sentiero dei Quattro Vadi Sentiero Verde dei Parchi d'Abruzzo
CEA "Gli Aquilotti" Montagna Sicura Montagna Pulita
Parco d'Inverno 2007/08 Foto d'epoca
Parco Nazionale GranSasso e Monti della Laga

Cea "Gli Aquilotti"

Cea Aquilotti

PRESENTAZIONE

Centro di Educazione Ambientale “gli aquilotti” – del Cai Abruzzo Progetto CEA-Scuole: adesioni c/o Eugenio Di Marzio, Viale Gran Sasso, 126 – 66100 CHIETI; Tel e fax 0871/331882, cellulare 3356011055, e-mail: eudimarzio @ tiscali . it; Responsabile Cea "gli aquilotti": Filippo Di Donato, e-mail: f . didonato @ caiabruzzo . it, Tel e fax 0861.328451 – 3397459870, e-mail: cea. aquilotti @ caiabruzzo . it

Il Centro di Educazione Ambientale “gli aquilotti”, struttura del Club Alpino Italiano – Abruzzo, si trova a Pietracamela (TE), piccolo paese sulle pendici del Gran Sasso d’Italia, a 1000 m, un vero nido d’aquile, sotto le pareti del Corno Piccolo. Il Cea “gli aquilotti” è un felice esempio della collaborazione tra Cai e Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga che ha messo a disposizione del Cea i locali del Centro Visite a Pietracamela (TE), dove è stato allestito anche il Museo dell’Alpinismo. Il Cea “gli aquilotti”, anche attraverso la collaborazione delle ventidue Sezioni presenti in Abruzzo, propone progetti in grado di affiancare la programmazione prevista dal Piano dell’Offerta Formativa, con attività a scuola ed in ambiente, offrendo l’occasione per nuovi stimoli, arricchimenti, approfondimenti e riscontri pratici. Il progetto di riferimento per ogni azione è “sentieri, rifugi ed aree protette in una montagna viva per cultura e natura” che, a cominciare dai paesi, propone la scoperta naturalistica, paesaggistica e storica delle montagne d’Abruzzo, con escursioni, laboratori didattici, corsi e pernottamenti nei rifugi. Il Cai Abruzzo ha ideato “il sentiero verde dei Parchi” che collega le aree protette nazionali e regionali d’Abruzzo con un unico segnavia di vernice, rosso/bianco/rosso. La montagna è proposta nel suo insieme come scoperta e conoscenza dei luoghi, promuovendo conservazione e tutela dell’ambiente.

Diverse attività didattiche sul Gran Sasso d’Italia, sono legate alla storia della reintroduzione del Camoscio d’Abruzzo, voluta dal Cai e resa possibile dall’eredità lasciata al Cai dalla Signora Susanna Marianna De Maria vedova D’Addario, socia del Cai di Roma. Dal 1992, anno di avvio della reintroduzione sul Gran Sasso d’Italia, gli animali si sono moltiplicati ed oggi, sono circa 300 gli esemplari che si muovono in libertà sulle vette del Parco.

Oggi, sono tante le proposte di educazione ambientale e di avvicinamento sicuro e tranquillo alle montagne dalla nostra regione, cuore dell’Appennino. Ci si rivolge principalmente ai giovani ed al mondo della scuola, assecondandone sensibilità ed interessi. La montagna è di tutti e tutti possono avvicinarla. Ciò che interessa ed affascina nel Cai è l’insieme dei messaggi celati in ogni proposta. Dall’uomo, con la secolare presenza e le attività tradizionali, ci si muove verso l’ambiente montano, da scoprire, apprezzare e conservare, lasciandone intatti valori e risorse per le generazioni future. I percorsi educativi e formativi sono circolari, tra uomo e ambiente, importanti e compiuti come i cicli della vita e dell’acqua. Un’immersione piena e convinta nella natura e nella cultura dei luoghi; non il solo raggiungere vette o percorrere creste aeree, ma l’avvicinamento come pratica sensoriale, intima e piena. La sosta nei paesi, incontrando gli abitanti e nei rifugi per sentirsi sicuri in prossimità di ambienti impegnativi e severi. Il Cea del Cai propone l’escursionismo come salutare percorrenza di un tracciato insieme alla scoperta di ambienti autentici ed integri e l’alpinismo come sicuro gesto tecnico, frutto di competenza maturata nel tempo, grazie alla tranquillità interiore e alla conoscenza degli ambienti da salire. Attività che, con l’alpinismo giovanile si aprono, in forma didascalica ed innovativa, alle nuove generazioni, per una montagna da vivere ogni mese dell’anno. Un messaggio ricco di attenzioni al rispetto della natura, alla tutela dell’ambiente, dalla montagna alle zone costiere, delle zone attraversate senza lasciare traccia del passaggio, per conservarle nel tempo. La filosofia del Cai, semplice e gratificante, si sintetizza nel motto “camminare per conoscere, amare e tutelare”.

2003/04 Percorsi didattici - Proposte Cea di EA.pdf


Info Cai Abruzzo: Filippo Di Donato Cell. 339.7459870 - f.didonato @ caiabruzzo . itwww.caiabruzzo.it