Contenuto principale

Gran Sasso d'Italia, Festa dell'Alpino sulla neve - XI edizione - gennaio 2013

Gran Sasso d'Italia, Festa dell'Alpino sulla neve - XI edizione
gennaio 2013

La Festa dell'Alpino sulla neve è un appuntamento consolidato nel tempo  tra Club Alpino Italiano Abruzzo - Centro di Educazione Ambientale "gli aquilotti" e Associazione Nazionale Alpini - Gruppo di Teramo. Il sodalizio è iniziato nel 2002, Anno Internazionale delle montagne, con il Convegno "insieme per le montagne" voluto per celebrare i 50 anni del Gruppo ANA di Teramo ed i 10 anni del progetto del Cai nazionale di reintroduzione del Camoscio d’Abruzzo sul Gran Sasso d’Italia. Oltre 100 persone hanno aderito all'XI edizione popolando i pianori ed i sentieri di montagna, con  la collaborazione delle Sezioni Cai di Teramo e di Castelli.

Il senso di questa "festa" è racchiuso nell'attenzione e nella cura rivolta ai paesi montani e alle persone che ancora tenacemente vi abitano. Nei tre giorni di escursioni in montagna (11,12 e 13 gennaio 2013) il Cai propone un percorso che inizia dal paese di Cerqueto (750 m), per risalire a quello di Pietracamela (1000 m), verso la località Prati di Tivo (1450 m), per raggiungere il costone montuoso della Madonnina (2000 m). Un'esperienza escursionistica tra natura e cultura, con la possibilità di usare le "ciaspole" per la progressione in ambiente innevato. Importante l'incontro delle realtà associative presenti con le Sezioni Cai, le Pro Loco, gli amministratori e gli albergatori. Ci troviamo nel territorio del Parco Nazionale del  Gran Sasso e Monti della Laga, tra i più estesi d'Italia, che con i suoi 150.000 ha abbraccia montagne significative dell'Appennino. Il Parco è chiamato a garantire il futuro delle zone montane. Ultimo baluardo contro la perdita di identità e lo spopolamento dei paesi. I Parchi devono favorire la partecipazione delle popolazioni residenti  migliorando la qualità dei servizi nell'accoglienza e nell'informazione.  A Cerqueto  c'è il “Museo Etnografico delle Tradizioni Popolari di Cerqueto” riconosciuto dalla Regione Abruzzo come Museo Civico, che dal 1964 ha raccolto più di mille oggetti e che chiede un impegno finale per uscire dall'attuale provvisorietà. A Pietracamela e a Prati di Tivo non c'è più traccia della "storia alpinistica del gran sasso e delle attività in montagna" con la chiusura del Museo e della Foresteria (inaugurata nel 2006 con evento  nazionale e l'intervento di Umberto Martini, allora V.Presidente Generale Cai). Al Parco si chiede di interessarsi affinché queste strutture siano aperte  ed utilizzabili riuscendo così a "dare valore" ai beni culturali e naturalistici del territorio.

Il Cai è impegnato a promuovere e sostenere azioni in grado di produrre effetti pratici, con la  fruizione del territorio, dei Centri Visita, dei Musei, la definizione e la manutenzione della Rete Escursionistica  e la tematizzazione dei sentieri, convinto che, in questo momento di crisi sia necessario agire, guardando alla sostenibilità, con attenzione e lungimiranza "insieme per le montagne".

15 gennaio 2013  -   Autore: Filippo Di Donato
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  –  3397459870