Contenuto principale

header-loghi-ricerche2012


 

PROGETTO DI RECUPERO E VALORIZZAZIONE DELLE TRADIZIONI AD OPERA DELLA
SEZIONE C.A.I. “Piergiorgio De Paulis” DI CASTELLI

UTILIZZATO PER MACINARE SMALTI E COLORI PER LA MAIOLICA DI CASTELLI, INSERITO NEL CONTESTO CULTURALE E TERRITORIALE DEL GRAN SASSO D’ITALIA.

Nell’ambito di questa proposta ad ampio respiro il contributo del Gruppo Terre Alte è stato utilizzato per iniziative di promozione e di diffusione del valori culturali e tecnologici espressi dai tanti mulini costruiti dai ceramisti lungo il corso d’acqua. Dei tanti solo due sono rimasti in piedi. Uno ancora pienamente funzionante e poi quello del Cai Abruzzo che si vorrebbe riportare all’antico splendore.
Nell’arco di questi mesi, ponendo proprio attenzione all’ambito culturale, si è provveduto a recuperare una serie di foto d’epoca b/n del mulinetto, delle attività in ambiente e delle fasi di lavorazione della ceramica di Castelli. Le foto b/n documentano la storia culturale e artistica di Castelli che si intreccia con l’acqua, l’argilla, il bosco ed il fuoco. Il territorio di Castelli, nella zona pedemontana offriva tutto il necessario alla produzione della ceramica. La zona era generosa di argilla e legname, con il taglio delle piante, governato da norme rispettate. Erano forti l’intesa e la condivisione con gli abitanti attenti ai grandi fuochi (da controllare per il pericolo di incendio) che, ritmicamente, nei forni a respiro, cuocevano la preziosa ceramica smaltata. C’era poi la preparazione dell’argilla, per renderla idonea alla lavorazione e alla cottura.  Nell’insieme si vogliono evidenziare le necessarie e diverse competenze a sostegno di una singolare arte che, sviluppandosi, ha dato notorietà internazionale ad un apprezzato prodotto dal particolare repertorio iconografico e cromatico.


© Club Alpino Italiano Sezione di Castelli - Tutti i diritti riservati - e-mail: info @ caicastelli . it
Filippo Di Donato 339/7459870 - f.didonato @ caiabruzzo . it
Loghi