Contenuto principale

Cai Castelli 1977/2007Club Alpino Italiano

Sottosezione Cai di Arsita

Dal 1990 il Cai di Castelli si è arricchito dell’adesione dei soci di Arsita, che hanno promosso molte ed interessanti iniziative, coinvolgendo il Comune ed i cittadini tutti di questo altro piccolo borgo sulle pendici montane del Monte Coppe, affascinati dal biancheggiare del Dente del Lupo

Presidente Sottosezione Cai di Arsita

Manolo Pierannunzio
e-mail: info @ caiarsita . it - www.caiarsita.it
cell. 320 9168499

Il territorio

Il nucleo abitato di Arsita si trova lungo il corso superiore del fiume Fino, a quota 470 metri s.l.m. su una fascia collinare pedemontana nella catena Meridionale del Gran Sasso di Italia, in provincia di Teramo. Il paesaggio ha una grande varietà di ambienti, dai campi coltivati della fascia collinare alle fasce boschive pedemontane, dai pendii erbosi alle pareti rocciose delle montagne.

La Storia

Il territorio di Arsita segnava nel periodo italico il confine tra il territorio dei Vestini e quello dei Petruzzi; infatti lo stesso nome del Fiume Fino nella terminologia alto-medievale era indicato come “In Fluvio Fine” cioe “fiume” del confine. Reperti archeologici ritrovati nel territorio di Arsita, testimoniano la presenza umana in epoca pre-romana (c.ca. VII sec. a.c.). Fino al 1905 Arsita era chiamata col nome di Bacucco. Sull’origine del nome ci sono varie e controverse ipotesi: Bacucco significherebbe “castelletto” o “insediamento di capanne di frasche”. Secondo altre fonti il nome deriverebbe “dalla sua forma ovale, quasi un bel cucco” secondo altri trae origine dalla venerazione del Dio Bacco. Bacucco, in aramaico vuol dire “Stella del Padre” e curiosamente ha conservato lo stesso significato nel nome Arsita “Sidus Padris”. Secondo altri Arsita vuol dire “luogo riarso, bruciato”.

Da Visitare

Ad Arsita c’è solo l’imbarazzo della scelta. Tra le mete da non perdere vi sono: la Chiesa di Santa Maria d’Aragona, il museo del lupo, il mulino Di Francesco perfettamente funzionante e restaurato di recente. Tra le feste degne di nota spicca Valfino al Canto con la sagra del Coatto (antico piatto pastorale). Tra le proposte escursionistiche segnaliamo il sentiero sorgenti del Fino-Gole dell’Inferno Spaccato; il sentiero del Gravone il nevaio perenne più meridionale d’Europa e il sentiero del Monte Coppe dove è possibile lasciare un saluto nel libro di vetta.

Informazioni Club Alpino Italiano – Sottosezione di Arsita - Sandro Cordone 0861.995362 Manolo Pierannunzio 320 9168499 Cristian Fioravante 3804323769 www.caiarsita.it


Info Cai Castelli: Filippo Di Donato Cell. 339.7459870 - info @ caicastelli . itwww.caicastelli.it