Contenuto principale

2010 Spedizine Cerro Torre

CERRO TORRE FREEDOM 2010

spedizione alpinistica al Cerro Torre

 

I componenti della spedizione:

2010 Spedizine Cerro Torre 2010 Spedizine Cerro Torre 2010 Spedizine Cerro Torre

Daniele Nardi - Marcello Sanguineti - Andrea Di Donato

Andrea Di Donato si trova nell'America meridionale. E' partito lo scorso 28 novembre insieme a Daniele Nardi e Marcello Sanguineti. Li attende una nuova impresa alpinistica non da poco.
In volo da Roma, destinazione Patagonia e come meta il Cerro Torre nelle Ande meridionali tra le montagne più spettacolari con la cima tra le più inaccessibili.

2010 Spedizione Cerro TorreoLa Patagonia è una regione divisa tra Argentina e Cile ed è posta all'estremità del continente giungendo fino alla Terra del Fuoco. Il Cerro Torre è una montagna straordinaria con una tormentata storia alpinistica e fa parte del territorio del Campo de Hielo Patagónico Sur, gigantesco ghiacciaio continentale. In ogni caso, al di là delle questioni, la grande montagna è stata scalata per la prima volta da alpinisti italiani.

Raggiungere la vetta del Cerro Torre è un’impresa impegnativa in quanto si deve risalire una interminabile  parete granitica così da raggiungere la cima che è coperta dal noto “fungo” di ghiaccio. In ogni stagione bisogna inoltre affrontare condizioni meteorologiche particolarmente variabili e costantemente orientate al peggio. E parlando di difficoltà sul Cerro Torre possono diventare estreme,binfatti si tratta di una vetta alta "appena" 3128 metri eppure temuta come e più di un ottomila.

Recentemente a Pesaro, lo scorso 5 novembre, per festeggiare i 35 anni della Sezione Cai, è intervenuto l’alpinista Ermanno Salvaterra tra i più profondi appassionati e conoscitori del Cerro Torre. Una serata indimenticabile con le immagini a 360°  di questa grande montagna, degli alpinisti, della capacita di affrontare e superare gli ostacoli, delle diverse situazioni ambientali e climatiche presentate con più filmati.

A conferma delle difficoltà dovute al clima Andrea ci ha informati dell’attuale situazione di tempo pessimo che impone la grande virtù della pazienza in attesa di auspicabili schiarite. Nel frattempo si ripetono gli esercizi di routine con la verifica di materiali attrezzature, preparando tutto per la scalata pronti ad approfittare della prima occasione di bel tempo.

Da parte nostra un poderoso sostegno morale!!!


Cerro Torre – monte d’inferno – anno 1986 – Durata 23 minuti
Regia: Matiaz Fistrovec
- Film premiato al Festival di Trento edizione 1986.
Se nel mondo e nella storia dell’alpinismo esiste un vero mito, non c’è alcun dubbio: è il Cerro Torre. E’ l’urlo di pietra: un obelisco di puro granito e ghiaccio che si innalza verticale per più di due chilometri, un vero e proprio missile puntato contro il cielo. A vederlo, semplicemente inaccessibile. Una montagna tremenda, del tutto verticale: pareti infinite di granito ricoperto di ghiaccio, in una delle zone più tempestose del mondo.